Agarosio

Sistemi per elettroforesi ed immunofissazione

Agarosio

SCHEDA DI SICUREZZA LASTRE AGAROSIO

Il Gel di Agarosio è, oggi, considerato uno dei migliori supporti per la separazione ed il riconoscimento delle principali proteine seriche.

Un foglio di Mylar viene trattato in modo che una delle due superfici diventi idrofila, mentre l’altra rimane idrofoba: il Gel viene stratificato in modo che aderisca soltanto alla superficie idrofila del supporto plastico, dando luogo ad una lastra di Gel di Agarosio supportata in Mylar, da maneggiare con facilità, anche se sempre con la dovuta cura, ideale per elettroforesi proteiche.

La concentrazione del Gel, e le caratteristiche del tampone presente nell’impasto, determinano la qualità delle separazioni, nell’uso con particolari sistemi automatici o manuali.

Oggi PhoreGel ha messo a punto un metodo di produzione su piccola-media scala, che attraverso una differenziazione di formati, permette l’utilizzo delle proprie lastre sulla maggior parte dei sistemi automatici e manuali, anche grazie alla messa a punto di un particolare applicatore, non monouso, dotato di lamine microforate: le lamine, sottilissime, in acciaio inox, penetrano nell’Agarosio, ed attraverso i numerosi microfori rilasciano il campione sulla superficie del Gel. La lamina relativa al primo campione è leggermente più larga, in modo da non creare equivoci sull’identificazione del primo campione, anche in assenza di altri elementi identificativi.

 

 

      

Disponibile in vari formati

     

L’applicatore a lamine microforate, in acciaio inox è riutilizzabile, e può essere alloggiato anche all’interno di alcuni sistemi semiautomatici.

Il prelevamento dei campioni viene eseguito utilizzando l’apposita base portacampioni.

Alimentatore per Gel di Agarosio

Per tecniche manuali è possibile usare l’alimentatore EFO 300 che consente di lavorare fino a 300 V con corrente massima di ben 400 mA L’Alimentatore EFO 300 può, inoltre, essere programmato per l’esecuzione di elettroforesi a Voltaggio costante o a Corrente costante.

È possibile utilizzare il gel di Agarosio per eseguire delle elettroforesi “zonali”, sfruttando un doppio fronte di migrazione, per ottimizzare i costi e i tempi d’esecuzione dell’analisi. In questo caso, i formati più usato sono per 7 campioni (o 14 con doppio fronte), 8 campioni (o 16 con doppio fronte), 15 campioni (o 30 con doppio fronte). Con alcuni sistemi automatici è possibile utilizzare un formato da 13 campioni (o 26 con doppio fronte).

A richiesta, è possibile fornire le lastre di Gel con differenti tamponi nell’impasto, in modo che sia possibile favorire la separazione di Beta1 e Beta2 o, al contrario, contrastarla.

  1.     
Il gel di Agarosio può essere utilizzato al meglio per eseguire elettroforesi ad alta risoluzione, rinunciando al doppio fronte di migrazione, per eseguire delle elettroforesi “molecolari”, sfruttando appieno le eccellenti caratteristiche di risoluzione del supporto.

 

G05100

 

Agarosio PhoreGel 51×85 – Beta accorpate

 

1 Lastra

Permette la migrazione di 7 (singolo fronte) o 14 campioni (doppio fronte) su strumentazione automatica o manuale,. Il tampone dell’impasto è stato studiato in modo da facilitare l’accorpamento della zona Beta in un’unica banda, inibendo lo sdoppiamento delle beta.
G0510B Agarosio PhoreGel 51×85 – Beta sdoppiate

1 Lastre  Permette la migrazione di 7 (singolo fronte) o 14 campioni (doppio fronte) su strumentazione automatica o manuale. Il tampone dell’impasto è stato studiato in modo da facilitare la separazione della zona Beta in almeno due bande (B1 e B2).
G08100 Agarosio PhoreGel 102×85 – Beta accorpate

 

1 Lastra

 Permette la migrazione di 15 (singolo fronte) o 30 campioni (doppio fronte) su strumentazione automatica o manuale. Il tampone dell’impasto è stato studiato in modo da facilitare l’accorpamento della zona Beta in un’unica banda, inibendo lo sdoppiamento delle beta.
G0810B Agarosio PhoreGel 102×85 – Beta sdoppiate

 

1 Lastra

 Permette la migrazione di 15 (singolo fronte) o 30 campioni (doppio fronte) su strumentazione automatica o manuale. Il tampone dell’impasto è stato studiato in modo da facilitare la separazione della zona Beta in almeno due bande (B1 e B2).
G10100 Agarosio PhoreGel 102×102 – Beta accorpate

1 Lastra  Permette la migrazione di 13/15 (singolo fronte) o 26/30 campioni (doppio fronte) su strumentazione automatica o manuale. Il tampone dell’impasto è stato studiato in modo da facilitare l’accorpamento della zona Beta in un’unica banda, inibendo lo sdoppiamento delle beta.
G1010B Agarosio PhoreGel 102×102 – Beta sdoppiate

1 Lastra  Permette la migrazione di 13/15 (singolo fronte) o 26/30 campioni (doppio fronte) su strumentazione automatica o manuale. Il tampone dell’impasto è stato studiato in modo da facilitare la separazione della zona Beta in almeno due bande (B1 e B2).
GFIX04 Agarosio PhorefIX per immunofissazione 1 Lastra

 

PhoreGel, inoltre, mette a punto e realizza, su richiesta, Kits ottimizzati, per qualunque sistema manuale o automatico che utilizzi lastre in Gel di Agarosio di qualunque dimensione.

387total visits,1visits today